Acero-Acer macrophyllum

1,99

Svuota
COD: N/A. Categorie: , , .

Descrizione prodotto

Legno pregiato, molto diffuso, di facile lavorazione e colore bianco perlaceo

Acer L. è un genere di piante a foglie caduche che appartiene alla famiglia Aceraceae, e comprende oltre 200 specie spontanee o originarie dell’Europa, Cina, Giappone e Nord America. Il nome Acer, in latino “appuntito”, è stato usato per primo da Joseph Pitton de Tournefort, in riferimento all’estremità appuntita delle foglie tipiche del genere.

Si tratta di alberi e arbusti di altezza da 1 a 30 m; generalmente le foglie decidue hanno 5 lobi, in alcune specie sono in numero maggiore come l’A. circinatum che ne ha 7 o 9, o minore come l’A. monspessulanum che ne ha solo 3. Il frutto è generalmente una coppia di samare.

Alcune delle varietà coltivate come piante ornamentali, per l’elegante portamento e il fogliame variegato e vivamente colorato, nei giardini e nei viali sono l’A. negundo con foglie imparipennate, l’A. japonicum, l’A. saccharum (la cui foglia stilizzata è presente sulla bandiera del Canada) e l’A. griseum, per la particolare corteccia che sfaldandosi si colora di rosso; per la coltivazione in vaso e su terrazzi sono da preferire le varietà e gli ibridi a sviluppo limitato dell’A. japonicum e dell’A. palmatum, con foglie palmate più o meno profondamente incise dal colore giallo, verde pallido o rosso.

Le specie adatte alla formazione di bonsai sono l’Acero tridente (A. buergerianum) e l’Acero giapponese (A. palmatum, A. japonicum ed altri).

Le raccolte di aceri di alcuni giardini botanici e i boschi di aceri sono anche mete del turismo nazionale, in diversi paesi, tra cui gli Stati Uniti e il Giappone, per via delle accattivanti colorazioni del fogliame autunnale. Il termine giapponese momijigari (che letteralmente vuol dire “caccia alle foglie di autunno”) indica la tradizione giapponese di recarsi in autunno nelle campagne per ammirare i colori fiammeggianti degli aceri del Giappone. La colorazione più o meno vivace è data dall’ escursione termica fra giorno e notte: più è elevata maggiore sarà la presenza di pigmenti colorati.

Altre specie di Acer vengono utilizzate nell’arboricoltura da legno e in silvicoltura per la produzione di legname, comprendendo specie spontanee o esotiche, ricordiamo: l’A. campestre, l’A. monspessulanum, l’A. opalus, l’A. pseudoplatanus, l’A. platanoides.

L’acero è uno dei legni più utilizzati per la costruzione di strumenti musicali. In particolare è molto utilizzato per costruire manici di chitarra elettrica o fasce laterali, fondo e manico per gli strumenti ad arco, nonché strumenti a percussione, in particolare i tamburi.

A. saccharum ed A. nigrum sono coltivati in Canada ed in parti degli Stati Uniti per la produzione dello sciroppo d’acero.

Tra gli aceri autoctoni più diffusi nella nostra Penisola i più comuni sono l’acero campestre, il napoletano,l’italico, l’acero campestre, l’acero riccio e quello montano ; tra quelli non autoctoni, ma maggiormente diffuse come piante ornamentali, sono l’acero negundo, il saccarina e l’acero palmato.[1]

Le noci dell’acero simboleggiano i 58 anni di matrimonio nel folklore francese.

 

Fonte: wikipedia, the wood database

Informazioni aggiuntive

Misura

15X2X2 cm, 25x25x5 cm, 18x16x10 cm, 17x15x10 cm, 30x30x5 cm, 30x30x10cm (piccoli segni di tarlo), 20x20x5.5cm, 22x22x5.5 cm, 16x23x7.5 cm, 30x30x8cm, 34x34x6 cm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *